Tosoni sr. Maria Luisa

Missionaria Saveriana

Nata a Cavarzano il 28.06.1942

Missionaria negli Stati Uniti fino al 1997.

Dal 2001 presta servizio in un gruppo di anziani

a Ceggia (VE).

New York, settembre 1996

Essere solidali..

            «Essere solidali, mettersi insieme. Fanno così anche le banche, le grandi compagnie d’affari, per interessi materiali, si capisce! Perché noi cristiani dovremmo essere da meno? Non ti pare che sia ora di recuperare questo valore? Non ti piacerebbe vedere mani bianche, nere, gialle e rosse intrecciarsi, formando una catena capace di trascinare il mondo? Sì, perché a risolvere i problemi del mondo non sono mai stati gli aiuti del governo, ma i piccoli contributi di tanti. Allora coraggio! Vale la pena rischiare e tuffarci in questo mare di solidarietà, perchè insieme si può tutto! E a tutti voi, carissimi, grazie! Grazie per aver riacceso tante volte la speranza nella nostra vita, ed in questa realtà per niente facile; grazie perchè con il vostro esempio e la vostra generosità ci dite che il mondo con tutti i suoi problemi non è una realtà da temere, ma continua ad essere ricostruito e ricreato, da gente come voi, ed è buono e bello come quando, la prima volta, è uscito dalle mani di Dio.»

 

 

New York, 15 Settembre 1997

La promessa diventa realtà..

            «I giochi sono arrivati, e fra non molto verranno installati in quell’area della scuola che, fino a poco tempo fa, serviva da parcheggio per le macchine. A pensarci bene, è proprio una storia meravigliosa, una promessa diventata realtà grazie al vostro impegno. Rivado con la mente a quel giorno in cui padre Clavero aveva buttato là la proposta di un luogo dove i più piccoli potessero giocare, lontani dai pericoli. Ed io mi chiedevo con stupore dove avesse trovato un coraggio simile, dati anche altri problemi della scuola. Però avevo ascoltato con interesse, perché mi rassicura sempre il fatto che, prima di proporre, il padre fa delle interminabili riflessioni.

            Poi il lungo cammino per arrivare alla meta. Ed eccoci qua, con una promessa che abbiamo portato nel cuore per lungo tempo con entusiasmo e speranza, e che nessun ostacolo è riuscito a smorzare. Una promessa che diventa realtà, aprendosi il cammino anche fra ostacoli ed in circostanze non del tutto favorevoli. E voi, carissimi, siete stati lo strumento più importante in questa impresa per niente facile, ma possibile. Sono sicura che il vostro lavoro, il vostro sforzo, rimarrà qui come testimonianza che insieme si può, come garanzia di un sicuro futuro per questo luogo di vita.»

Comments are closed.