Trinca sr. Chiarangela (Aurora)

Missionaria delle Suore Poverelle

Nata a Meano il 03.02.1934

 

Missionaria dal 1977, prima in Zaire, dove era a capo di una scuola professionale, di un ricovero per anziani e di un orfanotrofio. Ora si trova in Costa d’Avorio dal 1994, per una nuova missione, con la quale fare scoprire alla gente locale le loro enormi ricchezze materiali e spirituali.

La sua prima missione, Tumikia, in Zaire..

            «Si trova a 500 km dalla capitale Kinshasa, in mezzo all’immensa savana africana. Fanno capo alla missione più di 100 villaggi, sparsi in un raggio di 30 km. Nella missione c’è una scuola professionale con 250 ragazze dai 15 ai 22-23 anni, un ricovero per una cinquantina di vecchietti, un orfanotrofio con circa 40 bambini da 0 a 4 anni, un dispensario, una maternità con un centro per bambini malnutriti. Come potete capire, il campo di lavoro è davvero molto vasto. Personalmente sono convinta che la cosa migliore che si possa fare per questa gente non è semplicemente condividere con loro le nostre ricchezze, ma scoprire, assieme a loro, le tante ricchezze, materiali e spirituali, che già possiedono. Per esempio, Cristo è già presente in mezzo alle popolazioni africane, e vi lavora attraverso vie misteriose. Il nostro ruolo è aiutarli a scoprire questa attiva presenza di Dio nella loro vita.

Gli anni trascorsi qui in Africa mi hanno aiutato a scoprire che pregare è come il parlare del bimbo con suo padre e mi hanno fatto sentire Cristo come amico e fratello.»

 

Mafferè, 12 Gennaio 1995

Dalla Costa d’Avorio..

«Da tre mesi mi trovo in Costa d’Avorio, dopo tanti anni trascorsi in Zaire. La richiesta di cambiamento mi è giunta improvvisa, non me l’aspettavo proprio di dover cambiare addirittura paese. Comunque l’ho accettata volentieri, sicura che nella vigna del Signore è compresa anche la Costa d’Avorio. Non mi chiedete se mi è costato o meno lasciare, dopo 16 anni, la missione di Tumikia. Vi dico soltanto che è stato come lasciare casa mia una seconda volta e che vi ho lasciato un pezzo di cuore. Ora però mi sto abituando anche qui a Mafferè dove, in un ambiente pur così differente dallo Zaire, ho trovato tanti fratelli che hanno bisogno di essere amati, aiutati e compresi.»

Mafferè, 8 Febbraio 1996

«Mi sono abituata»..

            «Mi trovo in Costa d’Avorio da quasi due anni, e posso dire di essermi abituata. Qui mi occupo di un gruppo di 80 ragazze, che restano con noi 3 anni per imparare taglio e cucito, ma l’impegno principale è l’annuncio della Parola di Dio. Ci occupiamo anche molto degli stranieri, questi, soprattutto, hanno bisogno di sentirsi amati e compresi. Pregate per noi e per loro, perché possiamo accoglierli con cuore grande, star loro vicino, perché possano sentire che non sono soli, che Dio provvidente è là e non li abbandona. Non finirò di ringraziare il Signore per la fiducia che mi ha dimostrato chiamandomi alla sua sequela, affidandomi, anche se incapace, un compito tanto grande.»

Comments are closed.