Facchin sr. Ester (Maria)

Missionaria di Maria Bambina

Nata a Lamon il 04.01.193

Missionaria in diverse comunità del Brasile dal 1975.

Ci racconta la sua vocazione..

«La storia della mia vocazione religiosa è bella e meravigliosa; quando ci penso dico: “Che grandi cose ha fatto con me il Signore”. È lui che conduce le persone, quando queste sono aperte, disponibili, e credono al Suo amore. L’ideale a cui il Signore mi chiamava era forte: donare la vita al Signore e ai fratelli. Quello che mi ha aiutata a decidere è stata la preghiera, l’esperienza di Dio, la gioia di vivere e di essere utile un giorno a tante persone. A 22 anni sono entrata nella congregazione; gli anni della formazione religiosa sono stati ricchi di preghiera e di vita fraterna. A frenarmi sono intervenuti momenti di incertezza, occasioni di ripensamento, desideri di libertà, nonché una istintiva paura dei serpenti, ma l’ideale di essere missionaria era forte dentro di me e il Signore, centro della mia vita, mi ha dato la grazia, la forza, il coraggio per arrivare al passo definitivo.»

Rio Grande do Sul, 1995

Ci parla del Brasile e della sua missione..

 «Il Paese è un vasto campo di lavoro apostolico; c’è un grande numero di cristiani, ma pochi sacerdoti e suore per evangelizzare tanta popolazione. In questi anni, ho lavorato in una città vicino a San Paulo, poi nell’estremo nord, nello stato dell’Amapà. Da quasi tre anni mi trovo nel Rio Grande do Sul. Tra questi tre centri del Brasile c’è molta differenza: clima, mentalità, usi, cultura, ecc.. Li accomuna, però, la povertà culturale e materiale.

All’estremo nord, la gente ha un profondo senso del divino, una grande sete della parola di Dio, una fede semplice, un forte rispetto per il sacerdote e la suora, una notevole ricchezza spirituale interiore. La popolazione del sud è per lo più di origine europea, a cui gli antenati hanno trasmesso una religiosità solida e autentici valori cristiani. La maggior parte delle persone della nostra parrocchia frequenta con assiduità la chiesa e partecipa attivamente alle varie attività parrocchiali, quali la recita del rosario, lo studio biblico, la promozione umana della donna, la pastorale della salute.. Così nascono le comunità ecclesiali di base.

Lavorare con i giovani è una sfida, bisogna, infatti, saper sempre ricominciare, presentando valori, entusiasmo, iniziative e momenti di preghiera. Ultimamente, ci stiamo orientando verso una catechesi familiare, perché quello che più ci sta a cuore è arrivare ad una evangelizzazione solida, concreta, cosciente e convinta, soprattutto dei bambini e dei giovani.»

 

San Miguel Paulista, 20 Gennaio 2004

L’aria di Lamon..

«Sto bene, sono contenta, l’aria di Lamon mi ha rinvigorita fisicamente e spiritualmente, così pure è stato per padre Vittore.

Abbiamo fatto la campagna di giocattoli, per la pastorale dei bambini piccoli e quelli del centro educazionale per bambini della strada. I bambini del centro sono più di 300; abbiamo adolescenti dai 14 ai 18 anni, coi quali facciamo corsi di cucito, falegnameria, panificio e computazione..

Ringraziamo il Signore che continua chiamando giovani al suo servizio e missionari di fede, coraggio e generosità.»

 

Assis, 10 Giugno 2006

Ringrazia..

«Ringrazio di tutto quello che fate per noi missionari, orazioni, corrispondenza e aiuto materiale, con offerte e ogni tanto con qualche pacco; tutto è Provvidenza e buon cuore della nostra gente della Diocesi di Belluno. Pure padre Vittore Facchin, mio fratello, è molto riconoscente. Nella nostra costruzione di sale di catechesi, per la pastorale dei bambini e altre attività, siamo arrivati al tetto. Ora dovremo fare porte, finestre: spese un po’ alte, ci affidiamo alla Provvidenza. Qui la nostra gente contribuisce con piccole gocce per mezzo di iniziative, la gente è molto povera.»

_________________________________________________

“…la liturgia ci aiuta sempre a vivere e rinnovarci nella fede, nell’amore e nella speranza – Cristo vivo in mezzo a noi e in tutta l’umanità redenta col suo prezioso sangue. Nel tempo pasquale si canta l’eterno alleluia di gioia…”

“…si sta vivendo un periodo di tante calamità naturali: terremoti, inondazioni ecc… tanta gente soffre, muore… ci si domanda il perché… la fede e l’abbandono in Cristo non devono mancare…”

“…il Signore illumini la vostra missione, che non è meno importante di noi missionari, l’amore a Cristo e ai fratelli si rinnovi tutti i giorni, attraverso la Parola del Signore e l’Eucarestia fonte di vita…”

Comments are closed.